lunedì 25 febbraio 2008

PRC v/s Grillo

A partito di Rifondazione Comunista- L'arcobaleno
il 20 Febbraio 2002
Scrivo:

"per rispetto a chi ha sacrificato la vita per liberare l'Italia" non si dovrebbe boicottare il vaffanculo all'informazione che Grillo ha proposto, ma piuttosto evitare di farsi belli con principi che è evidente che non vi appartengono. Io ho conosciuto molto bene chi per l'Italia ha lottato e quella persona da anni sosteneva che l'informazione e i partiti facevano schifo! Per fortuna è morto da un pò (e si è rispiarmiato ulteriore e sempre peggiore schifo) ed è morto anche per il tradimento attuato da tutti quelli che si dichiaravano comunisti ma che non sono degni neppure di nominare un'ideologia che ha mosso tante persone non per interesse personale ma per il bene comune ... e come direbbe il partigiano Cervino:VERGOGNA!!!
E voi siete disposti a sacrificare la vostra vita per il bene del vostro paese?
Non c'é bisogno di risposta la domanda è retorica la risposta la date con i fatti! No non siete pronti... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... ... TUT ! TUT!... ... caduta la linea... ...

Continua a leggere...

giovedì 21 febbraio 2008

come è possibile?!?

Ho avuto modo di leggere post sull'argomento "aborto" e relativi commenti. Fortunatamente ho trovato molte persone equilibrate che guardano all'argomento sondando tutti i risvolti del caso,ma ho letto anche di persone che ritengono più importante la vita del feto ,che diverrà un bimbo/a ,della madre che lo porta in grembo. La domanda mi sorge spontanea: come puoi rispettare un essere e non l'altro? Si può forse dividere per categorie la vita e decidere che una è importante mentre l'altra può soffrire nell'indifferenza? Tutti gli esseri viventi sono uguali e credo che nessuno si possa permettere di fare una graduatoria di importanza (a meno che non voglia esssere dio).
Chi poi sostiene che l'aborto può essere facilmente risolto con il disconoscimento, mi chiedo se queste persone abbiano riflettuto su cosa significhi una gravidanza e tutto quello che implica soprattutto in un paese come questo.

Continua a leggere...

lunedì 18 febbraio 2008

Aborto

Ultimamente si fà un gran parlare dell'argomento,la tutela della vita...Stranamente il discorso viene sempre sostenuto da uomini che, è logico,non sanno e non sapranno mai cosa significa iniziare una gravidanza né tanto meno cosa significa interromperla. Io credo da donna ,quale sono, che nessuna interruzione viene presa a cuor leggero. Per una donna che rimane incinta ,che lo voglia o no,avviene al suo interno qualcosa di unico e inspiegabile. Decidere di abortire non è solo stroncare una nuova vita che si stà formando, è anche perdere una parte di se stessa irrimediabilmente. Un aborto,qualsiasi sia la causa scatenante ,è un fatto che accompagnerà la donna che lo fà per tutto il resto della sua vita e credo che sia orribile disquisire e giudicare un fatto come questo soprattutto se non l'hai vissuto.Concludendo ho sentito vari servizi su quella donna, ancora sotto anestesia, interrogata dalle forze dell'ordine ma non ho sentito nessuno chiedere pubblicamente scusa per la violenza fatta a quella stessa donna. In fondo non ci si può aspettare "tanto" da un paese patriarcale e bigotto come l'Italia ma mi auguro che una giustizia da qualche parte esista e non necessariamente quella divina (visto che sono atea)!
Donne ,la forza non si misura in muscoli e noi lo sappiamo bene ,se siamo unite ... non passa l'invasore!

Continua a leggere...

giovedì 14 febbraio 2008

Cosa stiamo aspettando?!?


I giusti e i coraggiosi continuano a morire. Bulow è morto , Angese è morto , Biagi è morto e tanti altri prima di loro e dopo. Persone che hanno avuto il coraggio di dire ciò che era doveroso dire e noi cosa aspettiamo a seguire questo esempio? Non basta un vaffanculo all'anno ,non basta dire così non và ,alle parole devono seguire i fatti altrimenti non succede proprio niente. Se non siamo soli , se non abbandoniamo i coraggiosi e i giusti allora le cose possono cambiare prima che rimangano solo i "quieto vivere" a rovinare quello che per ognuno di noi è un bene unico e irripetibile : LA NOSTRA VITA! Sono sicura che siamo in tanti ad avere ancora il buon senso come stella di riferimento ,restiamo uniti e gli faremo vedere che con la massa (non quella televisiva ma quella pensante) non si scherza se non è lei a volerlo! Non voglio finire come Montag e credo che neanche voi lo vogliate!

Continua a leggere...